Ecco una breve guida su cosa vedere a Berlino in alcuni giorni di permanenza e quali sono i luoghi d’interesse da non perdere.

Berlino è certamente una meta perfetta per un weekend, ma con qualche giorno di permanenza in più sarà possibile visitare la maggior parte dei luoghi d’interesse con calma, circondati da cultura, storia oppure divertimento sfrenato, shopping o relax. Si tratta di una città facile da visitare anche se avete dei bambini (questi apprezzeranno sicuramente i musei colorati e le aree verdi), ma è perfetta anche per una fuga romantica con la vostra dolce metà.
La capitale tedesca è piena di energia, un centro di sperimentazione per l’arte, la moda, la musica e il design. E’ certamente una destinazione giovane, hipster, in controtendenza, alternativa. La culla dei locali, delle discoteche, dei musei, dei festival all’avanguardia. Ecco, dunque, cosa vedere a Berlino in una permanenza di 3 o 4 giorni.

Cosa vedere a Berlino in tre giorni

Porta di Brandeburgo

Tra i luoghi d’interesse di Berlino è sicuramente in più famoso in quanto la Porta di Brandeburgo è il simbolo della capitale tedesca. Ai tempi della Guerra Fredda era l’emblema della divisione delle due Germanie mentre, in seguito alla caduta del Muro, è diventata la rappresentazione della Germania unita. Progettata nel 1791 da Carl Gotthard Langhans in stile neoclassico, è l’unico esemplare sopravvissuto della cinta muraria, ed era la via di ingresso in città. Dodici colonne sorreggono ancora oggi la porta sormontata dalla celebre Quadriga, opera di Johann Gottfried Schadow.

East Side Gallery

Un’altra cosa da vedere a Berlino in tre giorni di permanenza è senza dubbio la East Side Gallery: un mix di arte e storia. A partire dal 1989 il Muro che divideva la città venne abbattuto. Tuttavia, lungo la Mühlenstraße ne rimase in piedi un tratto lungo 1,3 km: questa reliquia della storia del Novecento è divenuta una galleria all’aria aperta, dove artisti provenienti da ogni parte di mondo hanno dipinto 106 murales. I più famosi sono il Test the Best di Birgit Kinder, che rappresenta una Trabi che sfonda il Muro, e Il Bacio mortale di Dimitrij Vrubel, che ritrae Erich Honecker e Leonid Breznev mentre si baciano appassionatamente.
Si tratta di una galleria d’arte a cielo aperto che merita certamente una visita.

Memoriale dell’Olocausto

Un altro dei luoghi d’interesse che merita sicuramente una visita è l’impressionante Memoriale dell’Olocausto, il monumento commemorativo dedicato agli ebrei d’Europa vittime dell’Olocausto. Si trova non lontano dalla Porta di Brandeburgo ed è assolutamente una cosa da vedere a Berlino in tre giorni di permanenza.
I visitatori camminano attraverso 2711 blocchi di cemento rettangolari, posti su una superficie ondulata, a creare un effetto claustrofobico di grande intensità e partecipazione emotiva. L’opera è dell’architetto Peter Eisenman, e ha vinto il premio dell’AIA (American Institute of Architects). Sotto il monumento si trova un centro informativo.

Checkpoint Charlie

Un’altra cosa da vedere a Berlino in tre giorni è questo importante simbolo della Guerra Fredda, divenuto meta obbligata da visitare se vi trovate nella capitale della Germania.
Qui passavano gli Alleati, i diplomatici e tutti quegli stranieri che avevano il diritto di andare da una parte all’altra di Berlino dal 1961 al 1990. Oggi al Checkpoint Charlie si trova una guardiola dell’esercito americano ricostruita nei minimi dettagli ed il fotografatissimo cartello “State lasciando il settore americano”.
Recentemente il Checkpoint è anche diventato il set cinematografico di importanti film di spionaggio e thriller. A pochi passi, potete visitare il Mauermuseum Haus am Checkpoint Charlie.

Museumsinsel (Isola dei Musei) e Pergamonmuseum

Vi sono tantissimi luoghi d’interesse e musei che vale la pena visitare in città, cinque dei quali raccolti sull’isola dei musei, una delle maggiori concentrazioni al mondo di cultura.
Se non avete abbastanza tempo a disposizione e potete visitarne uno solo, non perdete il Pergamonmuseum. L’imponente sede raccoglie opere provenienti dall’Impero Romano, dall’Antica Grecia, dal Medio Oriente e perfino da Babilonia. Tre collezioni sono riunite sotto lo stesso tetto: parte antica, con sale architettoniche e sculture, il Museo dell’Asia Anteriore, e il Museo di Arte Islamica. Una volta varcata la soglia, considerate di spendere almeno 3 ore per l’intera visita.

Reichstag

Tra i luoghi d’interesse che meritano una visita troviamo senza dubbio la sede del Parlamento Federale Tedesco dal 1999. Il Reichstag di Berlino merita la vostra attenzione se non altro per la cupola in vetro, raggiungibile con un’ascensore, opera dell’architetto inglese Norman Foster. Se capitate da queste parti in una bella giornata di sole potrete ammirare un panorama meraviglioso su Berlino a 360°.

Cosa vedere Berlino in quattro giorni

Hamburger Bahnhof

Una cosa da vedere a Berlino in quattro giorni e, dunque, con un po’ di tempo a disposizione è senza dubbio l’Hamburger Bahnhof, un museo che raccoglie moltissime opere di Andy Warhol, Roy Lichtenstein, Keith Haring, Anselm Kiefer e altri ancora. Dal 1996 è il punto di riferimento per questo tipo di arte in tutta Berlino. Come suggerisce il nome l’Hamburger Bahnhof è una ex stazione ferroviaria dell’Ottocento convertita in museo.
Di notte la facciata viene illuminata grazie a un progetto di luci realizzato da Dan Flavin. Collezioni permanenti, mostre temporanee, una libreria fornitissima e un caffè!

Tiergarten

Un’altra cosa da vedere a Berlino in quattro giorni di permanenza è il Tiengarter per un po’ di sano relax all’aria aperta, nel polmone verde della città. Sentieri, laghi, ruscelli, prati, boschi saranno il contorno del vostro momento di pace lontani dal caos e dal traffico della metropoli. Opera dell’architetto Peter Lenné, questi 210 ettari di verde saranno anche la meta ideale per praticare jogging, fare passeggiate, mangiare un panino sdraiati sull’erba o per approfittare della bella stagione e fare un giro in bici.

Berliner Fernsehturm

Questo è un’altro dei luoghi d’interesse più famosi e simbolo di Berlino: la Torre della televisione. Alta 368 metri, la noterete non appena avrete messo piede in città. Se sarete fortunati a beccare una bella giornata di sole, sarà piacevole salire fino in vetta con l’ascensore e ammirare dall’alto il panorama mozzafiato. Prendete un caffè nel bar panoramico e godetevi lo spettacolo!

Museo Ebraico di Berlino (Judisches Museum)

Entrando al Museo Ebraico (Judisches Museum) farete un viaggio nel tempo di duemila anni, por rivivere la storia degli ebrei di tutta la Germania. In questo edificio futuristico, progettato dall’architetto Daniel Libeskind, potrete documentarvi sui contributi portati dagli ebrei all’arte e alla cultura, dall’epoca romana all’Illuminismo, dal Medioevo fino alla tragica storia del Novecento e all’Olocausto. La struttura che raccoglie e conserva questo enorme patrimonio storico, ha la forma della stella di David.