Ecco una breve guida su cosa poter vedere in Egitto ed, in particolare, nelle città di Il Cairo, la capitale di questa nazione, Alessandria e Luxor.

Cosa vedere in Egitto al Cairo

Necropoli di Giza

Una cosa da vedere assolutamente in Egitto al Cairo è la Necropoli di Giza. Si tratta di un complesso unico ed imponente che si trova a soli 8km dalla città. La punta delle piramidi s’intravede dalla strada mentre ci si avvicina a questo monumentale complesso.
La Necropoli di Giza si estende su un altopiano di 2.000 mq ed è famosa per le sue grandi Piramidi. Esse rappresentano il più grande complesso megalitico del pianeta e sono l’unica delle sette meraviglie del mondo antico ancora in piedi.
I maestosi edifici funerari sono 3: la Piramide di Cheope (alta 147 metri), quella di Chefren (alta 140 metri) e di Micerino (di 65 metri). Esse furono erette fra il 2690 e il 2600 a.C.
Ovviamente, non si può dimenticare la splendida Sfinge, proprio di fronte alla piramide di Cheope, a circa 350 m, ed intenta a fare la guardia alla tomba di Chefren. Probabilmente più piccola di ciò che la maggior parte di noi immagina, resta comunque uno spettacolo unico.

Museo Egizio e Piazza Tahrir

Se vi trovate al Cairo non potete esimervi dal visitarlo.
Si trova poco distante da piazza Tahrir, teatro di svariate proteste e manifestazioni.
I pezzi di maggior pregio all’interno del Museo Egizio sono rappresentati dalla collezione dei reperti trovati nella tomba di Tutankhamon, rinvenuta intatta nella Valle dei Re dall’archeologo inglese Howard Carter, nel 1923. Sicuramente un’intera giornata non sarebbe abbastanza per ammirare ogni opera esposta, ma potrete comunque fare una buona visita dedicando delle ore a gironzolare tra le teche ripiene di reperti fino a raggiungere le stanze di Tutankhamon, colme di ori, gioielli e maschere luccicanti.

Torre de Il Cairo

La Torre de Il Cairo misura 187 metri e per dieci anni è stata la struttura più alta del continente africano (superata dalla Hillbrow Tower in Sudafrica). Si tratta del monumento più famoso dell’Egitto dopo le piramidi di Giza. Si trova nel quartiere Zamalek, nell’isola di Gezira sul fiume Nilo, vicino al centro della capitale.

Moschea di Alabastro

La Moschea di Muhammad Ali o Moschea di Alabastro venne fatta costruire da Muhammad Ali Pasha, fra il 1830 ed il 1848, in memoria di Tusun Pasha, suo figlio maggiore morto nel 1816.
Questa è situata sulla sommità della Cittadella ed è l’edificio ottomano più grande mai costruito nella prima metà del XIX secolo. Grazie alla silhouette a doppio minareto, è il luogo che, avvicinandosi alla città, risulta visibile con maggiore facilità.

Quartiere Copto

Il vecchio Cairo o Quartiere Copto è la zona antica della città, baluardo della cristianità egiziana. L’area de Il Cairo antico include anche l’estremità meridionale dell’isola di Roda, dove si trova il Nilometro, usato fin dai tempi dei faraoni per misurare il livello del fiume e prevedere le sue inondazioni. L’area di questa zona è racchiusa all’interno delle mura della fortezza romana di Babilonia, del III secolo d.C., ed è un’area di tranquilli vicoli e di antichi luoghi sacri. Il Quartiere Copto de Il Cairo è il luogo dove vivevano i cristiani ortodossi quando gli arabi conquistarono l’Egitto. Si dice che sia stato anche il quartiere in cui vissero Maria, Giuseppe e Gesù durante il loro esilio nella capitale egiziana.

Cosa vedere in Egitto ad Alessandria

Serapeo

Una cosa da vedere in Egitto ad Alessandria è senza dubbio il Serapeum, uno dei numerosi centri religiosi di Alessandria. Distrutto dai Romani nel 391, alcuni dei pezzi originali sono stati lasciati sul posto, come la Colonna di Pompeo, circondata da due grandi sfingi. In passato il tempio era anche uno dei più importanti annessi della Grande Biblioteca di Alessandria. Il Serapeum merita sicuramente una visita per la sua importanza storica e per la splendida posizione.

Bibliotheca Alexandrina

Questo edificio è stato costruito nel 2002 come memoriale di una delle più grandi e importanti biblioteche di antichità: la Biblioteca Reale di Alessandria. La vecchia biblioteca è stata bruciata e con il fuoco molti dei suoi libri sono stati distrutti.
La biblioteca moderna potrebbe non essere così importante e ricca come la precedente, ma è ancora una grande biblioteca e, soprattutto, un importante centro culturale. Infatti, essa contiene al suo interno tre musei, quattro gallerie d’arte, un planetario ed un laboratorio dove vengono salvati e sistemati vecchi manoscritti.

Corniche

La Corniche è una splendida passeggiata sul lungomare che corre lungo il porto orientale per 10 miglia e termina con il Montaza Palaca. Questo lungomare offre una vista mozzafiato sulla baia ed è uno dei migliori posti in città per fare una passeggiata, dove è possibile esplorare le attività commerciali della zona ed ammirare il panorama.

Giardini del palazzo Montazah

Originariamente costruito come palazzo del re Farouk, questo splendido palazzo situato nella parte orientale della città vanta un grande giardino ed una splendida vista sul Mar Mediterraneo.
Questo particolare palazzo è caratterizzato da uno stile architettonico grandioso e unico ed è circondato da molti altri edifici storici. Il suo giardino è uno dei più belli della città e si presta molto bene per una passeggiata durante una giornata in cui potrete rilassarvi e godervi le giornate di sole. Qui si possono trovare piante rare ed alberi che i visitatori possono ammirare.

Royal Jewelry Museum

Precedentemente utilizzato come palazzo della famiglia reale egiziana, il Royal Jewelry Museum è una tappa immancabile in una gita ad Alessandria. La villa è stata recentemente rinnovata: ha decorato pavimenti, soffitti e vetrate. I visitatori possono imparare tutto sulla famiglia reale e la sua storia. Se ami l’arte e la storia, questo è un buon posto dove andare.

Stanley Bridge

Si tratta di un ponte dal quale si può godere di una splendida vista panoramica sul Mediterraneo. Per questo motivo è particolarmente affollato nella notte, quando il panorama diventa mozzafiato. Il ponte ha una lunghezza totale di 400 metri. Si tratta di un luogo ideale dove venire a godersi la brezza marina o fare una bella passeggiata prima o dopo aver cenato in uno dei ristoranti della zona.

Cosa vedere in Egitto a Luxor

Tempio di Luxor

Una cosa da vedere assolutamente in Egitto è il tempio di Luxor il quale si trova sulla riva est del fiume Nilo.
L’inizio dei lavori di costruzione di questo edificio risalgono al XIV secolo avanti Cristo, ma il processo di edificazione vide numerosi interventi successivi e rimaneggiamenti. Il tempio è caratterizzato dalla presenza di un incredibile colonnato monumentale, da una statua di Ramses II e da splendide incisioni sulle pareti.
Questo tempio era dedicato al dio Amon ed era strettamente collegato all’altro importante tempio della zona, quello che sorgeva nell’area dell’attuale villaggio di Karnak.

Valle dei Re

Di grandissima importanza è anche l’area conosciuta come Valle dei Re, riconosciuta come patrimonio Unesco e situata sulla riva occidentale del Nilo. Questa è considerata una delle principali aree archeologiche d’Egitto.
Questa porzione di territorio, poco distante dall’odierna Luxor, è stata utilizzata per oltre cinque secoli come area di sepoltura da parte dei faraoni. Infatti, è proprio qui che si trova un’incredibile necropoli risalente all’epoca compresa tra il XVI e l’XI secolo avanti Cristo. L’incredibile varietà delle strutture funerarie e le relative incisioni parietali fanno di questa necropoli una delle attrazioni archeologiche più importanti al mondo.